Parco Nazionale Garajonay a La Gomera

pubblicato in: Europa, Trekking | 0

Il Parco Nazionale Garajonay occupa la parte centro-nord di ua delle più piccole tra le isole canarie: La Gomera. Amatissima da tedeschi e hippy, l’isola è conosciuta per soprattutto per il suo aspetto rustico e un ancora parzialmente incontaminato dal turismo di massa.

Il Parco Nazionale Garajonay è stato dichiarato sito UNESCO nel 1986 ed è visitato ogni anni da piú di 400.000 persone. E’ anche uno dei pochi posti nelle isole Canarie con fiumiciattoli e pozze d’acqua naturali.

Valli e barranchi di La Gomera, coperti di foreste e formazioni rocciose. Sullo sfondo, Tenerife e il suo vulcano Teide
Vissta di Tenerife e del vulcano Teide da La Gomera

La leggenda di Gara e Jonay

Il parco prende il nome dalla formazione rocciosa Garajonay che, con i suoi 1487 metri, è il punto piú alto dell’isola. E la roccia, a sua volta, deve il suo nome dalla leggenda di Gara e Jonay.   

Gara era la principessa di Agullo, una cittadina a nord est dell’isola, mentre Jonay era il figlio di un contadino di Tenerife. I due si incontrano e si innamorano, ma un indovino predice che il loro amore avrá un destino nefasto che prenderá la forma del fuoco. Appena il loro matrimonio è annunciato, il vulcano Teide, ben visibile da La Gomera, erutta violentemente. Le due famiglie cancellano le nozze e Jonay è costretto a lasciare la sua amata e tornare a Tenerife.

Una notte Jonay decide di nuotare fino a La Gomera per vedere ancora una volta Gara, e con lei scappa nella foresta. Le famiglie cercano la coppia in tutta l’isola e in questa fiaba stile Romeo e Giulietta non c’è un lieto fine. Quando Gara e Jonay si sentono in trappola, si rifugiano nel punto piú alto dell’isola e lì decidono di togliersi la vita insieme piuttosto che essere separati un’altra volta.

L’incendio del 2012

Nell’estate del 2012 un gigantesco incendio è scoppiato nella foresta di La Gomera e ha continuato a bruciare per settimane. Quasi il 20% del Parco Nazionale Garajonay è stato seriamente danneggiato e molte case nel nord dell’isola sono state evacuate e distrutte.

Le guardie forestali hanno lavorato duro negli anni seguenti per ripulire e ristabilire il parco. Durante la mia visita, 8 anni dopo, posso vedere con gioia quanto la natura sia potente. I segni dell’incendio sono ancora chiaramente visibili, ma gli alberi stanno ricrescendo ovunque e la foresta si sta riprendendo nuovamente il suo territorio.

Alto de Garajonay: vista sulla foresta parzialmente bruciata dall'incendio del 2012 che distrusse il 20% del parco Nazionale Garajonay dell'isola La Gomera.
Alto de Garajonay: vista sulla foresta ancora parzialmente bruciata

Cosa vedere nel Parco Nazionale Garajonay

A parte rilassarsi sulle spiagge soleggiate, l’attivitá più comune per chi visita la gomera è camminare nei sui boschi. Nel Parco Nazionale Garajonay ci sono decine di sentieri, alcuni nelle fitte foreste, altri in alto sulle cime brulle dei colli. C’è un centro informazioni a Laguna Grande ma, curiosamente, è chiuso nei weekend e nei giorni festivi.

Hiking nei boschi

I boschi di La Gomera sono ricchi di vegetazione e molto antichi. I piú comuni sono quelli di alberi di alloro, foreste pluviali subtropicali molto umide e con temperature miti durante tutto l’anno.

Vi si snodano tantissimi sentieri per meravigliose passeggiate, anche se non sempre i percorsi sono ben segnalati e mantenuti. E’ importante fare qualche ricerca delle condizioni recenti del percorso, prima di iniziare la camminata, o ci si potrebbe ritrovare ad un vicolo cieco a causa di una slavina non segnalata ad inizio percorso! 

Foresta El Cedro Forest in La Gomera: uno dei boschi più vecchi e fitti delle isole Canarie
Foresta El Cedro

Tra tutte le passeggiate in La Gomera, ne vorrei citare due mi sono particolarmente piaciute, entrambe nel Parco Nazionale Garajonay.

Alto de Garajonay, con i suoi 1487 metri, è il punto piú alto dell’isola. I sentieri qui sono per lo piú molto secchi, costeggiati di arbusti e alberi bassi. Dalla cima c’è una meravigliosa vista sulla foresta sottostante e, con un po’ di fortuna meteorologica, è possibile vedere Tenerife e il suo vulcano Teide. Da qui si vede anche molto bene fin dove è arrivato l’incendio del 2012.

Un’altro incredibile posto è la foresta El Cedro. E’ fittissima di alberi e sottobosco, con decine di sentieri tra i quali scegliere.  Una delle cose piú interessanti di questo posto è la presenza di acqua corrente, fatto piuttosto unico per le Isole Canarie. Qui il vento trasporta l’umiditá nell’aria fino a depositarsi su alberi e colline. Il fenomeno si chiama horizontal rain (“pioggia orizzontale”) ed è causa dell’aspetto magico da fiaba di questi boschi.

La Fortaleza de Chipute

Come altre formazioni rocciose dell’Isola, La Fortaleza è un ex vulcano eroso dal tempo. Si trova nella parte nord di La Gomera e nell’antichitá era considerato dai nativi un luogo sacro e destinazione di pellegrinaggi. Negli anni è stato anche usato come rifugio da invasori e pirati, grazie ad un singolo stretto passaggio per raggiungerne la vetta. Durante recenti scavi, sono stati ritrovati resti di residenti risalenti a piú di 1500 anni fa.

Vista su La Frtaleza: uns formazione rocciosa molto antica e considerata sacra per i primi abitanti dell'isola
La Fortaleza

Flora e fauna

Per gli appassionati di botanica, La Gomera e il suo Parco Nazionale Garajonay una destinazione molto interessante. I boschi dell’isola, infatti, sono molto antichi e gli studiosi sostengono che hanno ad oggi lo stesso aspetto che probabilmente avevano le foreste subtropicali che ricoprivano Africa ed Europa milioni di anni fa. Inoltre questi boschi sono molto diversificati e hanno numerose varitá endemiche.
Garajonay ha anche specie animali endemiche tra uccelli, pipistrelli e rettili.

Nei dintorni del parco

Ai confini del Parco Nazionale Garajonay ci sono tantissimi paesini e punti panoramici degni di nota. A nord est dell’isola, mi è piaciuto molto l’aspetto rurale di El Cercado, Las Casa e Agulo,. Non lontano da quest’ultimo si trova il Mirador de Abrante, che con la sua terrazza panoramica in vetro, non va assolutamente perso. Un altro belvedere interessante è il Mirador Del Morro de Agando, con una vista a 360 gradi sul paesaggio circostante. Lo si raggiunge con una breve camminata dal Mirador de Tajaqué, passando curiosamente sopra la strada principale con un ponticello di legno. A nord ovest dell’isola, infine, la strada principale Camino La Quintana offre alcuni punti panoramici per ammirare il tramonto sul mare, tanto spettacolari quanto ventosi.

vista a 360 gradi su La Gomera dal Mirador Del Morro De Agando
Vista dal Mirador del Morro de Agando

Tutte le immagini di questa pagina sono di proprietà dall’autore e sono quindi protette da copyright.
Alcune possono essere acquistate su Shutterstock e Dreamstime.


Immagine Pinterest: Parco Nazionale Garajonay in La Gomera


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.